Borsa Per La Vita Manici Lunghi prugna

B01CIDL9TW
Borsa Per La Vita - Manici Lunghi (prugna)
borse da donna
Traduzione di Isabella C. Blum
Biblioteca Adelphi  
2015, pp. 411 , 32 tavv. f.t. 
isbn: 9788845930201
Temi:  Geox Damen D Omaya C Sneaker Beige pelle / Argento Argento
Psicologia / Psicoanalisi / Psichiatria
€ 22,00 -15% € 18,70
Condividi su:     
WISHLIST
AGGIUNGI AL CARRELLO
IN COPERTINA
Oliver Sacks a New York nel 1961. Foto di Douglas White.
AUTORE
ALTRE EDIZIONI
2015, pp. 411
€ 10,99
RISVOLTO

«Sono un uomo dal carattere veemente, con violenti entusiasmi ed estrema smoderatezza in tutte le mie passioni» scriveva Oliver Sacks in un articolo apparso il 19 febbraio 2015 sul «New York Times», nel quale annunciava, con brutale sobrietà, di soffrire di un male incurabile. È quindi inevitabile che  In movimento , la sua autobiografia, sia innanzitutto una rassegna di passioni, descritte con la lucidità dello scienziato e l'audacia dello psiconauta, con la schiettezza del diagnosta e il gusto per la digressione di un dotto seicentesco. E sarà un piacere, per i lettori di Sacks, sentirlo parlare di sé: dell'ossessione per le moto e il sollevamento pesi, della dipendenza dalle amfetamine, del lacerante rapporto con il fratello schizofrenico e con la madre (il «più profondo e forse, in un certo senso, più vero della mia vita»), di quando disintegrò per l'ammirazione unita alla frustrazione un libro di Aleksandr Lurija, il fondatore della neuropsicologia e di quella «scienza romantica» a cui sarebbe sempre rimasto fedele. Alla fine, non si potrà evitare di riconoscere che Oliver Sacks è stato il più romanzesco di tutti i personaggi romanzeschi di cui ha scritto. Soprattutto, questo resoconto di studi e amicizie, legami sentimentali e debiti intellettuali, abitudini e fissazioni è un'ulteriore riprova che per Sacks il «delicato empirismo» di Goethe non era un semplice metodo di ricerca, ma uno stile di vita.

I LABORATORI
Traduttori in Movimento 2017 offre un laboratorio di traduzione dal giapponese, coordinato da Giorgio Amitrano, con Ryoko Sekiguchi, e due laboratori di traduzione dall’inglese coordinati ciascuno da Susanna Basso, Luca Briasco (minimum fax), Franca Cavagnoli e Grazia Giua (Einaudi). Numero massimo di partecipanti per laboratorio: 15. Hanno accesso, come uditori, anche i traduttori stranieri.

Borsa In Stoffa Di Juta A Tinta Unita Borsa Di Trasporto Simpatica Gufi Colorati Con Puntini Di Karos A Strisce Gufi Retro Diversi Colori Rosso

Traduttori in Movimento 2017 offre un seminario di traduzione poetica coordinato da Bruno Berni. Partendo da esempi di traduzioni edite e inedite di poesia danese di diverse epoche, sempre proposti in originale e in italiano, il seminario intende rappresentare un breve  vademecum  su alcune modalità operative nella traduzione di poesia, dal trattamento della “tentazione della prosa” a quello dei testi metrici, dal coinvolgimento emotivo alla preparazione ‘filologica’, dall’uso degli strumenti al gesto creativo, proponendo soluzioni e stratagemmi per affrontare un’attività complessa e impegnativa, ma coinvolgente e gratificante. Una parte del seminario si svolgerà in collaborazione con il poeta Morten Søndergaard, tra letture di poesia in entrambe le lingue e una conversazione sui problemi di traduzione e sulle soluzioni possibili quando, come in questo caso, la poesia ha una forma linguistica danese e un contenuto molto spesso italiano, e il poeta e il traduttore sono in grado di muoversi in entrambi i mondi e in entrambe le lingue.

Snoogg Borsa A Tracolla Da Donna Multicolore Multicolore L

Il Museo Castello Malaspina di Fosdinovo (Massa – Carrara)– Centro culturale sperimentale di ricerca nel linguaggio contemporaneo, è una struttura nella quale, accanto al percorso museale classico, trova sede una residenza per scrittori e per artisti visivi e un centro di produzione e di ricerca.

IL PROGRAMMA
I laboratori inizieranno domenica 16 luglio alle ore 15.00 e si concluderanno martedì 18 alle ore 13.00 per un totale di circa 16 ore di lavoro (ore 9.30-11.00 seminario, pausa caffè, 11.30-12.30 seminario, 12.30-13.30 incontro, pausa pranzo, 15.00-16.30, pausa caffè, 17.00-18.00 seminario, 18.00 incontro). Si richiede ai partecipanti di presentarsi per l’accreditamento alle ore 14.00 muniti di documento identificativo.

I RELATORI
Giorgio Amitrano  è professore ordinario di lingua e letteratura giapponese all’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”. Ha tradotto in italiano numerosi scrittori giapponesi tra i quali Kawabata Yasunari, Inoue Yasushi, Murakami Haruki, Yoshimoto Banana,NakajimaAtsushi,MiyazawaKenji,KajiiMotojirô. La sua traduzione di Kitchen per Feltrinelli, la prima di Yoshimoto Banana in lingua straniera, ha aperto la strada al successo internazionale della scrittrice, oggi tradotta in più di venti lingue. A Yoshimoto ha dedicato il saggio Il mondo di Banana Yoshimoto (Feltrinelli 1999; edizione ampliata 2007). Ha curato l’edizione delle opere di Kawabata per i Meridiani (2003), e su questo autore ha scritto una monografia, pubblicata in Giappone da Misuzu Shobô nel 2007.Ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra i quali: il XII Premio Noma Bungei (2001) per la traduzione di Una notte sul treno della Via Lattea di Miyazawa Kenji, il Premio Elsa Morante-Isola di Arturo per la traduzione di Lucertola di Yoshimoto Banana (1996) e il Premio Grinzane-Cavour (2008) per l’insieme della sua opera di traduzione dal giapponese. Dal 2013 al 2016 è stato direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo e della Scuola Italiana di Studi sull’Asia Orientale di Kyoto.
Susanna Basso , torinese, traduce dal 1987 letteratura angloamericana collaborando principalmente con la casa editrice Einaudi. Nel 2002 ha vinto il Premio Procida per la traduzione di Espiazione di Ian McEwan, nel 2006 il Premio Mondello per la traduzione di I fantasmi di una vita di Hilary Mantel, nel 2007 il Premio Nini Agosti Castellani per la traduzione di Jane Austen e nel 2016 il Premio Giovanni, Emma e Luisa Enriques alla carriera. Nel 2010 per Bruno Mondadori ha pubblicato il saggio Sul tradurre. Esperienze e divagazioni militanti.